Gli Utenti su WordPress: Le differenze fra i 5 profili

Gli utenti su WordPress si diversificano in 5 diversi profili, ma quali sono le loro differenze? In questo rientra il gioco dei diversi ruoli che vengono assegnati ad ogni singolo utente nel momento della registrazione al sito.

I i ruoli degli utenti su WordPress sono i seguenti:

  1. Amministratore o Administrator;
  2. Sottoscrittore o Subscriber;
  3. Contributore o Contributor;
  4. Autore o Author;
  5. Editore o Editor.

L’amministratore ha accesso a tutte le funzioni di WordPress senza limitazioni, fra le sue possibilità vi è anche quella di autorizzare altri utenti a diventare amministratori.

WpressPlanet - Come creare un sito Web con Wordpress

Per creare un nuovo utente l’amministratore non dovrà fare altro che andate sulla barra laterale sinistra del gestionale e cliccare su “Utenti>aggiungi utente“, in questa fase potrà assegnare il ruolo al nuovo profilo.

La guida degli utenti su WordPress. Quali sono le differenze?

Il sottoscrittore è il profilo che di fatto non offre nessun accesso alle funzioni di WordPress, a parte la possibilità di visualizzare la pagina del proprio profilo dove poter modificare i contenuti. Il resto del gestionale rimane inaccessibile.

Utenti su WordPress: Profilo sottoscrittore
Profilo sottoscrittore

Il contributore ha già maggiori possibilità rispetto al sottoscrittore, visto che può non solo modificare il proprio profilo, ma può anche utilizzare l’editor di WordPress per scrivere i propri articoli, ma non è comunque autorizzato a caricare immagini all’interno del post, se non come fonte esterna tramite url. La pubblicazione avverrà solo dietro revisione dell’amministratore che si occuperà in un secondo momento di pubblicarlo. Una volta pubblicato l’articolo, il contributore non avrà più l’accesso diretto per modificarlo in un momento successivo.

Il contributore, inoltre è in grado di vedere i commenti e i titoli degli articoli degli altri utenti, ma non è può modificarli.

Contributore WordPress profilo
Contributore

L’autore ha un livello di accesso al gestionale di WordPress decisamente più elevato. Il suo profilo gli consente di poter scrivere un articolo e di caricare immagini tramite la libreria media di WordPress, inoltre ha l’autorità di pubblicare direttamente il proprio post senza che vi sia l’autorizzazione da parte dell’amministratore. Per quanto riguarda la gestione degli articoli ha la facoltà di pubblicare l’articolo in modalità sia privata che protetta da password.

L’autore può visualizzare i commenti degli utenti, ma non può modificarli e infine può vedere e modificare il proprio profilo utente.

Utente autore wordpress
Autore

L’editore è il profilo che ha maggiori permessi, poco al di sotto di quello dell’amministratore. Con questo ruolo è possibile scrivere i propri articoli e pubblicarli senza che prima vi sia l’autorizzazione da parte dell’amministratore, inoltre si ha la facoltà di poter modificare i post degli altri utenti.

L’editore ha accesso, inoltre, alla libreria media, ha la facoltà di creare nuove pagine, nuove categorie, nuovi tag ed è autorizzato a gestire i commenti.

Editore su WordPress
Editore Utente WordPress

Tutti i profili, ad eccezione di quello dell’amministratore, non hanno accesso al resto del gestionale, infatti non è possibile visualizzare e gestire le seguenti sezioni:

  • plugin
  • impostazioni
  • strumenti
  • aspetto
  • utenti
Infografica ruli wordpress
Infografica

Usa il codice sottostante per copiare l’infografica.

Se si vuole avere come amministratore un maggiore controllo sull’assegnazione delle funzioni dei vari profili si possono usare dei plugin.

Conclusione.

Ho cercato di fornire una panoramica più dettagliata possibile per spiegare esattamente cosa si può fare e cosa non si può fare con i rispettivi ruoli utenti su WordPress.

Consiglio di consultare anche l’infografica che schematizza ciò che viene spiegato.

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

Non ti dimenticare di…

scaricare la guida su WordPress per sapere cosa fare dopo l’installazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *